11.03.2013
Occhio alla pressione oculare
Tra il 10 e il 16 marzo check-up oculistici gratuiti in molte città italiane per la settimana mondiale del glaucoma. A Roma controlli della vista davanti al Policlinico “A. Gemelli”

Apriamo gli occhi alla prevenzione: la misurazione della pressione oculare non va mai persa di vista. Per controllarla si potrà approfittare di un check-up oculistico gratuito e ricevere del materiale informativo. È quello che avverrà in occasione della settimana mondiale del glaucoma che si svolgerà dal 10 al 16 marzo (info www.iapb.it). Complessivamente sono 61 le città aderenti in tutta Italia. In particolare, l’11 e il 12 marzo un’Unità mobile oftalmica sosterà al Policlinico “A. Gemelli” di Roma, dove sarà possibile sottoporsi a un controllo medico-oculistico.

La campagna “luce dei miei occhi” è stata organizzata dall’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus. Per l’occasione sono stati coinvolti anche diversi ambulatori oculistici e sono state organizzate una serie di conferenze informative.

Il glaucoma è la seconda causa di disabilità visiva al mondo: è una malattia oculare che, secondo l’Oms, colpisce complessivamente 55 milioni di persone, mentre in Italia i malati si stima che siano circa un milione (ma in un caso su due non sono stati diagnosticati). Questa malattia oculare arriva spesso senza dare particolari sintomi: per questo viene definita il ‘ladro silenzioso della vista’. Il glaucoma è una delle malattie oculari per cui si trae più giovamento dalla prevenzione. Se non si cura tempestivamente la vista può, infatti, subire danni irreversibili, generalmente a causa della pressione oculare troppo alta (che provoca la morte della cellule del nervo ottico). Se questo avviene il campo visivo si restringe progressivamente: si perde la visione periferica e l’immagine si riduce come se si guardasse attraverso un cannocchiale.

 

SS Ufficio stampa

Condividi Condividi questa news per posta elettronica E-mail Condividi questa news su Facebook Facebook Condividi questa news su Twitter Twitter Condividi questa news su Linkedin LinkedIn
Stampa Stampa questa news