04.10.2016
Fondo Carità:risponde e interviene direttamente dove i pazienti o le famiglie hanno bisogno di sostegno

Per rispondere in modo rapido e diretto ai bisogni che emergono nella vita dell’ospedale, attraverso l’ascolto e la conoscenza di situazioni di emergenza sociale ed economica di singoli pazienti o delle loro famiglie, la Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli ha scelto di dar vita al Fondo Carità, per sostenere le necessità sanitarie di persone in situazioni di comprovata difficoltà economica e rispondere a situazioni di emergenza sociale e fragilità esistenziale. Il Fondo Carità è promosso e sostenuto finanziariamente dalla Fondazione,  ma è proposto alla generosità di tutti. I fondi raccolti vengono destinati, per esempio all’acquisto di costosi farmaci non prescrivibili, a sostenere le spese di orfani e di indigenti, oppure devoluti a spese per esequie o anche per risolvere altre piccole necessità quotidiane che possono, per taluni, essere insormontabili.

Attraverso uno “sportello informatico” appositamente istituito il personale può segnalare situazioni di particolare disagio, illustrando il tipo di intervento richiesto. Inoltre, il contributo viene erogato nel giro di pochissimi giorni, perché la tempestività in molti casi è parte della soluzione del problema.

Da novembre 2015 abbiamo erogato circa  10.000 euro, che sono stati destinati principalmente a sostenere spese di trasporto per effettuare cure e ricoveri, ad affrontare spese per il rientro in patria di pazienti stranieri dopo la dimissione dall’ospedale, oppure per il pagamento del ticket di esami e visite. Ma tutto ciò è possibile solo con l’aiuto e l’impegno di tutti , che  insieme, ogni giorno, desiderano  aiutare chi soffre e chi ha bisogno.

Donare è facile, vai sul sito

http://donaora.policlinicogemelli.it

oppure

Donazione su

conto corrente bancario

 

Causale “Fondo Carità”

intestato a:

Fondazione Policlinico

Universitario A. Gemelli

 

Banca Popolare di Lodi

IBAN: IT36-F-05034-01633-00000-0005587

 

Condividi Condividi questa news per posta elettronica E-mail Condividi questa news su Facebook Facebook Condividi questa news su Twitter Twitter Condividi questa news su Linkedin LinkedIn
Stampa Stampa questa news