06.10.2011
Nuovi dispositivi per combattere il tumore al cervello
Il dispositivo ha ricevuto l'approvazione FDA quale sistema per radioterapia.

Il dispositivo “IsoRay” ha ricevuto l'approvazione FDA quale sistema per radioterapia.

Esso consiste in un catetere a palloncino, capace di effettuare labrachiterapia in pazienti affetti da tumore al cervello. Il sistema è costituito da un catetere provvisto di doppio sistema a palloncino, uno interno, progettato per contenere una fonte di liquido radioattivo, ed uno esterno, che fornisce un ulteriore livello di sicurezza in caso primo si danneggiasse.

 

Il sistema viene inserito, all’interno della cavità chirurgica, e gonfiato con liquido radioattivo. In questo modo, dosi elevate di radiazioni possono essere forniti a livello della sede tumorale e sui tessuti circostanti(dove spesso avviene la riproduzione delle cellule tumorali). Il dispositivo, lavorando sul sito tumorale, permette una localizzazione puntuale delle radiazioni erogate, risparmiando cosi tessuti circostanti.

 

Il liquido radioattivo viene inserito circa una settimana dopol'intervento chirurgico e resta attivo per diversi giorni. Attualmente, loIotrexiodio-125, è utilizzato come sorgente liquida di radiazioni.

 

Tuttavia l’azienda produttrice prevede di commercializzare il prodotto con un altro isotopo, il cesio-131 (Cs-131).

 

Il Cesio-131 è già disponibile per il trattamento di vari tipi di cancro, ma la forma liquida attende ancora l'approvazione FDA.

 

Possiede un emivita cinque volte più breve (9,7 giorni) rispetto allo iodio-125 (59,4 gior-ni), con conseguente rilascio di dose su un periodo più breve, magari rendendo meno probabili eventuali recidive del tumore.

 

Fonte: www.medgadget.com; Agosto, 2011