05.10.2009
Il trapianto di cornea
La cornea è una lente regolare e trasparente dell’occhio, necessaria per la messa a fuoco delle immagini. Quando le sue caratteristiche vengono a mancare si rende necessario il ricorso al trapianto.


La cornea è una lente naturale dell'occhio, la prima che la luce attraversa per giungere alla retina. È responsabile per l'80% della messa a fuoco dell'immagine: per questo la sua trasparenza e la sua regolarità sono indispensabili per una corretta visione. Quando queste caratteristiche vengono a mancare, per esempio a causa di alcune patologie spesso congenite o ereditarie, si rende necessario il ricorso al trapianto di cornea.

 

La cheratoplastica (dal greco keratos, cornea), sinonimo di trapianto corneale o meglio innesto di cornea(visto che si tratta di tessuto e non di organo), può ridare la vista a chi l'ha persa per patologie spesso congenite o ereditarie. Dal 2001 l'Italia è il Paese leader in Europa in donazioni e trapianti di cornea.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le tecniche chirurgiche: cheratoplastica perforante, cheratoplastica lamellare e femtolaser
Il trapianto di cornea può riguardare l'intero tessuto, la cheratoplastica perforante, una sua porzione superficiale, la cheratoplastica lamellare, o il solo foglietto profondo, l'endocheratoplastica.
Il trattamento delle patologie corneali nelle età pediatriche
I trapianti in età infantile, tradizionalmente più complicati, devono essere eseguito il prima possibile (da 6 mesi a un anno di vita), perchè l'assenza della funzione visiva nei primi mesi di vita porta all'ambliopia (il cosiddetto “occhio pigro”).
 

 

A cura di Prof. Balestrazzi Emilio