25.11.2009
Nuovo elettrobisturi di precisione per la rimozione dei tumori
I ricercatori dell’Università Justus-Liebig di Gissen in Germania hanno scoperto che dall’analisi delle molecole del fumo rilasciato dall’elettrobisturi è possibile ottenere diverse informazioni sul profilo molecolare del tessuto tagliato.

La rimozione chirurgica del tessuto tumorale può nascondere non poche insidie.

Le informazioni intraoperatorie ad oggi disponibili, possono indurre il chirurgo, nel tentativo di asportare la gran parte del tessuto tumorale, ad intaccare anche il tessuto sano.

I metodi attualmente utilizzati per la definizione e contornazione del tumore, consistono infatti nel imaging del tessuto attraverso una scansione pre operatoria, nonché in una fase di campionamento ed analisi istopatologica.

I ricercatori dell’Università Justus-Liebig di Gissen in Germania, hanno scoperto che dall’analisi delle molecole del fumo rilasciato dall’elettrobisturi, è possibile ottenere diverse informazioni sul profilo molecolare del tessuto tagliato.

In particolare, utilizzando uno spettrometro di massa in grado di analizzare da un punto di vista biochimico il fumo generato dall’elettrobisturi, si vuole sviluppare una tecnologia che fornisca in tempo reale informazioni in merito alla natura cancerosa del tessuto tagliato.

Il sistema così inteso produrrebbe non solo informazioni real time utili al chirurgo nella ottimizzazione dell’asportazione del tumore, ma consentirebbe anche l’implementazione di un imaging del tumore utile nella fase post chirurgica: dall’immagine potrebbero evincersi elementi che attestino la particolare aggressività del tumore con conseguenti implicazioni in termini di definizione della cura.

Al momento questa tecnica è stata testata in diversi animali: prevalentemente roditori e cani.

Nei prossimi mesi verrà avviata la sperimentazione sull’uomo: in particolare, grazie alla collaborazione con un azienda specializzata nella produzione di elettrobisturi, si procederà allo sviluppo della tecnologia, anche da un punto di vista commerciale.

E’ previsto un costo intorno ai 20.000 $, per ciascun elettrobisturi con annesso spettrometro di massa.

 

Fonte: Medgadget ottobre 2009