15.05.2008
Nuovi promettenti cateteri neurologici
Il catetere in sperimentazione consente un aumento del flusso sanguigno cerebrale, riducendo quindi gli effetti dell’ischemia conseguente l’infarto.

Si sta concludendo un trial clinico (SENTIS) sui nuovi cateteri neurologiciCoAxia’s NeuroFlo™, per il trattamento dello stroke: primi risultati su 125 pazienti in Nord America ed Europa, trattati in oltre 50 centri specializzati.

Il catetere in sperimentazione consente un aumento del flusso sanguigno cerebrale, riducendo quindi gli effetti dell’ischemia conseguente l’infarto, agendo sulla portata aortica discendente (riducendola) e deviando il sangue dagli arti inferiori ai circoli cerebrali collaterali che si sono formati, potenziandoli.

Questo dispositivo Neuro-Flow è in grado di ridurre del 70% il flusso aortico discendente e rimane posizionato per circa 45 minuti; vienepoi rimosso per permettere il ripristino del flusso normale.

L’FDA ha inoltre approvato l’espansione degli scopi dello studio, consentendo il trattamenti di pazienti fino a 14 ore dall’insorgere dei sintomi. I dati sui primi 29 pazienti colpiti da stroke hanno dimostrato nel 61% dei casi un miglioramento di 3 punti nella scala NIHSS, anche se l’intervento viene effettuato dopo alcune ore dall’evento.

In pratica, ad oggi gli interventi tradizionali vengono tentati al massimo nelle prime 3-6 ore dall’insorgenza dello stroke, mentre il Neuro-Flow sembra poter offrire miglioramenti clinici anche con un utilizzo più ritardato, fino a 14 ore dall’evento.

 

Fonte: www.medgadget.com, 7 aprile 2008