20.05.2011
Sistema automatizzato di somministrazione di farmaci per anestesia
Un team di anestesisti francesi ha sviluppato un sistema automatico di erogazione di farmaci anestetici endovenosi

Un team di anestesisti francesi ha sviluppato un sistema automatico di erogazione di farmaci anestetici endovenosi (“propofol” e “remifentanil”), che hanno recentemente testato in un trial multicentrico, pubblicato sulla rivista “Anesthesia & Analgesia”.

I ricercatori sostengono che il sistema, guidato da un monitor a Indice Bispettrale (BIS), permette performance migliori durante l'induzione ed il mantenimento dell'anestesia generale, rispetto alla somministrazione manuale.

Il sistema si basa su un “controller” che permette l'erogazione automatizzata concomitante a circuito chiuso di propofol e remifentanil, mantenendo i valori BIS dentro i range prestabiliti durante l'anestesia generale.

Le performance della somministrazione mediante “controller” sono state messe a confronto con quelle ottenute mediante infusione manuale bersaglio-controllata.

Lo studio multicentrico, ha visto 196 pazienti chirurgici coinvolti. Il confronto tra i gruppi è stato effettuato mediante il calcolo di un punteggio globale, caratteristico dell’insieme delle prestazioni del controller. In particolare 83 pazienti sono stati assegnati in maniera randomizzata al gruppo testato con la metodica automatizzata (gruppo A) e 84 pazienti assegnati al gruppo di controllo con metodica manuale (gruppo B).

Il punteggio globale e la percentuale di tempo con il BIS compreso tra 40 e 60 sono stati migliori nel gruppo A (26 ± 11 vs 43 ± 40, p 60), e BSR (Burst Soppression Ratio) sono risultati significativamente meno frequenti nel gruppo trattato con metodica automatica.

Tuttavia la metodica manuale richiede quantità inferiore di farmaco rispetto a quella automatica (0,22 ± 0,07 vs 0,16 ± 0,07 mg · kg-1 · min-1,

p <0,0001) e rallenta la velocità di estubazione tracheale (10 ± 4 vs 11 ± 5 minuti; P = 0.02).

In conclusione la nuova tecnologia, si è rivelata essere molto performante, garantendo stabilità e affidabilità comparabili seno superiori a quelle delle metodiche manuali tradizionali.

 

Fonte: www.medgadget.com, March 11, 2011