13.12.2007
Il robot che interpreta i segnali cerebrali
Una nuova ed importante frontiera per i pazienti affetti da paralisi.

I ricercatori del Fraunhofer Institute for Computer Architecture and Software Technology, hanno sviluppato un innovativo sistema robotico, che permette la processazione dei segnali celebrali, a partire da una semplice acquisizione EEG, e che rappresenta una nuova ed importante frontiera per i pazienti affetti da paralisi.

Tale apparecchiatura usa come input, un normale segnale EEG(Elettroencefalogramma) proveniente da sistemi comunemente utilizzati nella pratica clinica quotidiana, e attraverso degli elettrodi direttamente fissati allo scalpo dei pazienti, misura i segnali elettrici celebrali, opportunamente amplificati e trasmessi al computer. I segnali vengono analizzati utilizzando un efficiente algoritmo basato su tecniche di autoapprendimento. Il Software è capace di individuare i cambiamenti nell’attività celebrale, che precede l’espletamento di un atto motorio e di tradurli in imput motori per il braccio meccanico collegato.  

Come affermato da Florin Popescu, team leader del progetto, lo scopo di questo progetto è quello di aiutare le persone con severe disabilità motorie a compiere giornalmente atti motori e di fornire una tecnologia d’avanguardia, capace di capire e trasformare in atti motori quelle che altrimenti rimarrebbero semplici intenzioni di movimento.

I ricercatori hanno sviluppato inoltre, una “macchina da scrivere controllata dal cervello”, un dispositivo di comunicazione che permette a pazienti con severe paralisi, di selezionare lettere dell’alfabeto o addirittura di scrivere testi.

Il progetto Brain2Robot ha ricevuto finanziamenti, nell’ambito del 6° Research Framework Programme dell’Unione Europea e potrebbe, in un ipotesi abbastanza realistica, essere messo in commercio nell’arco di qualche anno.

 

FonteBrain2Robot Project, www.medgadget.com, 13 November 2007.