03.12.2007
Linee Guida per la diagnosi e il trattamento del dolore lombare.
Il dolore lombare è tra le cause più comuni di visite specialistiche negli Stati Uniti.

Il dolore lombare è tra le cause più comuni di visite specialistiche negli Stati Uniti. Approssimativamente un quarto degli adulti statunitensi riportano di aver sofferto di dolore lombare almeno una volta per un intero giorno in tre mesi e il 7,6% riporta almeno un episodio di dolore lombare severo durante un anno.

Il trattamento del dolore lombare e molto dispendioso: i costi sanitari incrementali diretti attribuibili al dolore lombare erano stimati in 26,3 miliardi di dollari nel 1998, inoltre sono sostanziali anche i costi indiretti collegati alle assenze dal lavoro a causa di tale patologia. Attraverso una revisione sistematica della letteratura, interrogando i principali database clinici (es. MEDLINE, EMBASE; ecc.) l’American College of Physicians e l'American Pain Society hanno redatto le nuove linee-guida per la diagnosi e il trattamento del dolore lombare con l’obiettivo di presentare l’evidenza disponibile per la valutazione e la gestione del dolore lombare nel setting delle cure primarie.

Le nuove indicazioni sono state riassunte in sette raccomandazioni principali, tra le raccomandazioni più robuste si riportano le seguenti:

 

A) I medici devono redigere un'accurata storia del paziente in modo da valutare se il disturbo sia classificabile come dolore lombare non specifico, potenzialmente associato a radicolopatia o associato ad altre cause;

B) I medici non devono ri-correre in maniera routinaria a tecniche di imaging o ad altri test diagnostici per pazienti con dolore lombare non specifico;

C) Al contrario, indagini più accurate vanno eseguite su pazienti con dolore lombare causato da gravi danni neurologici.

 

Inoltre tra le raccomandazioni con forza minore è chiaramente esplicitato che i medici devono, per i pazienti che non traggono alcun beneficio dal trattamento farmacologico, considerare l'ipotesi di suggerire altri tipi di terapia i cui benefici sono stati dimostrati, come per esempio la riabilitazione fisica intensiva, la massoterapia, l'agopuntura, lo yoga, la terapia comportamentale.

 

FonteRoger Chou et al. Annals of internal Medicine. Volume 147, Number 7, 2007, pp. 478-491.