28.02.2008
Sistema laser per il trattamento dell'ictus
Negli Stai Uniti si stanno attualmente svolgendo alcuni trials clinici per la sperimentazione di un innovativo sistema laser per il trattamento dell’Ictus.

Negli Stai Uniti si stanno attualmente svolgendo alcuni trials clinici per la sperimentazione di un innovativo sistema laser per il trattamento dell’Ictus.

Utilizzando un laser a infrarossi, capace di raggiungere i tessuti cerebrali attraverso lo scalpo, i ricercatori sostengono di poter contribuire a rinvigorire le cellule cerebrali situate in prossimità della zona colpita da Ictus.

Tale dispositivo laser raggiunge le cellule cerebrali della penombra ischemica, inducendo un aumento dell’energia metabolica di queste cellule, che altrimenti patirebbero la carenza di glucosio e di altre fonti energetiche dovute alla mancanza di un regolare afflusso sanguigno. La tipologia di luce emessa dal device, permette di attivare uno specifico enzima, responsabile del controllo della produzione di una importantissima fonte energetica quale l’ATP.

Come dichiarato dai ricercatori del Medical College of Wisconsin, tale effetto di stimolazione metabolica, può risultare decisivo, in un’area di cervello in cui le cellule “stanno ancora lottando per la sopravvivenza”. Sebbene alcuni studi basati su esperimenti animali e limitate ricerche su umani, suggeriscano che il device sia clinicamente efficace, il trattamento con laser è ancora in fase sperimentale e necessita di ulteriori validazioni scientifiche.

Esistono però delle indicazioni, riguardo i benefici che tale trattamento potrebbe apportare ai pazienti, se applicato nelle 24 ore successive all’insorgenza dei primi sintomi.

Alcuni trials clinici preliminari (120 pazienti coinvolti), hanno mostrato che il 70% dei pazienti trattati con il laser hanno visto migliorare i propri outcomes clinici, come il recupero completo dall’Ictus, comparato al 51% dei recuperi osservati sui pazienti sottoposti a trattamenti tradizionali.

Nell’attesa che ulteriori trials clinici supportino in maniera più robusta un’eventuale introduzione sul mercato del device, per il laser a infrarossi già si intravedono nuove ed interessanti applicazioni cliniche per il trattamento di disordini neurologici di vario tipo (malattia di Parkinson) e di retinopatie diabetiche.

 

Fonte: www.medgadget.com, January 15, 2008