Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore
Skip Navigation Links

Obiettivi

Dal 1° marzo 2004 è iniziata l'attivazione concreta dei nuovi blocchi operatori della Piastra.

Il piano di migrazione delle unità operative chirurgiche ha proceduto secondo i tempi prestabiliti sino al completamento dell'intero trasferimento, attuato in circa 60 giorni. Sono pertanto pienamente operative in Piastra tutte le unità afferenti al Dipartimento di Scienze Chirurgiche, la Chirurgia Vascolare, le Unità di Neurochirurgia, di Oftalmologia, di Otorinolaringoiatria, di Ortopedia e Chirurgia Vertebrale, di Ginecologia, ed è stato attivato il nuovo blocco di Chirurgia d'Urgenza. Inoltre, è iniziata - per la prima volta in forma autonoma - l'attività di Day surgery.

La rapidità nella cadenza dei trasferimenti è stata resa possibile da un modello di funzionamento ben congegnato, pienamente condiviso con tutti gli stakeholders, e da un'accurata pianificazione e gestione di dettaglio della fase di transizione in ogni suo aspetto. Ed è stata resa possibile dall'impegno diretto e convinto di tutte le persone coinvolte, che hanno operato senza sosta.

Gli obiettivi e le azioni inizialmente stabilite per il progetto sono stati raggiunti.

  • La capacità di programmazione degli interventi è stata radicalmente migliorata. La Direzione Sanitaria sta gestendo lenuove sale operatorie secondo un'"ottica di servizio", mediando tra le diverse esigenze delle varie chirurgie. L'Unità di Programmazione è pienamente operativa e, utilizzando strumenti innovativi, è in grado di pianificare e coordinare tutte le attività chirurgiche. La compilazione delle liste operatorie da parte dei chirurghi avviene, con l'utilizzo dei nuovi sistemi informatici, secondo un processo ben definito.
  • Il nuovo modello di gestione delle risorse umane assicura maggior flessibilità nell'allocare il personale infermieristico, aumentando al contempo le opportunità di sviluppo professionale delle risorse sanitarie.
  • L'ampliata disponibilità di posti di Terapia Intensiva Post Operatoria, la presenza di due Recovery Room e la presenza di un blocco urgenze permettono di migliorare decisamente il livello di assistenza ai pazienti, incidendo positivamente sull'utilizzazione delle sale operatorie.
  • Il sistema logistico "a flusso teso", basato su kit per singolo intervento e armadi mobili di sala, e l'elevata dotazione tecnologica, hanno permesso di assicurare la massima polivalenza delle sale operatorie e un elevato controllo sui materiali utilizzati.
  • La presenza di una struttura di supporto logistico dedicata alle sale operatorie, ha inoltre permesso di centralizzare la gestione dei materiali con conseguente riduzione delle scorte. Questo servizio possiede competenze e strumenti per limitare gli usi impropri del materiale e per standardizzare ulteriormente i kit di sala operatoria.

Solo il futuro darà informazioni quantitative adeguate per valutare in modo obiettivo e dettagliato i benefici conseguiti. Il nuovo modello ha però in sé tutti gli elementi per migliorare radicalmente la qualità dell'assistenza, aumentare l'utilizzazione delle sale operatorie - riducendo al contempo il costo complessivo per intervento - e migliorare l'attività didattica e di ricerca del Policlinico. E i primi risultati, tangibili e intangibili, sembrano confermarlo in ogni direzione.


Inserire l'e-mailFormato non valido.



© 2016 Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli - Codice Fiscale e P.IVA n. 13109681000
Sede Legale Largo Francesco Vito 1, 00168 Roma - Sede Operativa Largo Agostino Gemelli 8, 00168 Roma
Tutti i diritti riservati/All Rights Reserved

Mappa del Sito | Informativa sulla Privacy | Avvertenze | Condizioni generali di utilizzo e consultazione del sito | Redazione | Webmaster