28.05.2012
A scuole di Ascoli Piceno, Vicenza e Napoli i premi del concorso
Fonte: SS Ufficio stampa


La classe dell'ultimo anno della Scuola dell’Infanzia“Ripatransone” di Ascoli Piceno per il miglior plastico, la classe V della Scuola Primaria Statale "P.E. Negri" di Vicenza per il migliore prodotto iconografico, la classe III C dell’Istituto Comprensivo "Giordano" di Napoli.

Sono le vincitrici del6° Concorso nazionale "Un Ospedale con più sollievo", patrocinato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e dal Ministero della Salute, e promosso dalla Fondazione “Gigi Ghirotti”, dall’Associazione professionale Cattolica Italiana di Docenti, Dirigenti e Formatori (UCIIM), dalla Fondazione Alessandra Bisceglia, in collaborazione con l’Università Cattolica di Roma – Policlinico “Agostino Gemelli”, l’Associazione Culturale Attilio Romanini e l’Associazione Italiana Infermieri di Radioterapia Oncologica (AIIRO).

 

Assegnati nell’occasione anche altri riconoscimenti di merito: il premio intitolato ad “Anna Maria Verna”all’Istituto d’Istruzione Superiore “Giuseppe Solimene” di Potenza per il miglior videoclip, alla Scuola Ospedaliera Paritaria “Casa Sollievo della Sofferenza-Unità Operativa di Oncoematologia Pediatrica San Giovanni Rotondo di Foggia per il miglior elaborato e il premio intitolato all’autrice tv Alessandra Bisceglia, prematuramente scomparsa, a Ilaria Marchetti, studentessa della Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi di Torino per la migliore fiaba.

La cerimonia di consegna dei 6 premi, che consistono in sei borse di studio di Euro 500,00 ciascuna, si svolge oggi, domenica 27 maggio 2012, nella hall del Policlinico universitario Agostino Gemelli di Roma dove è in corso l’evento principale per celebrare la “XI Giornata nazionale del Sollievo”, promossa da Ministero della Salute, Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e dalla Fondazione nazionale “Gigi Ghirotti”.

 

A premiare scuole e studenti il Ministro dell’Istruzione Francesco Profumo, la Presidente della Regione Lazio Renata Polverini, il Presidente della Fondazione “Gigi Ghirotti” Bruno Vespa, insieme aMilly Carlucci eFabrizio Frizzi, testimonial della giornata.

Presenti il Prorettore vicario dell’Università Cattolica Franco Anelli, il Direttore Amministrativo dell’Università Cattolica Marco Elefanti, il Preside della Facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università Cattolica Rocco Bellantone, il Direttore del Policlinico A. Gemelli Maurizio Guizzardi.

Numerosi sono i personaggi del mondo dello spettacolo che si avvicenderanno nel corso della manifestazione, Milly Carlucci e Fabrizio Frizzi, testimonial della giornata, Lorena Bianchetti, Maurizio Battista, Rita Forte, Roberto Giacobbo, Stefano Masciarelli. Affiancheranno medici, operatori sanitari, studenti e volontari della Facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università Cattolica di Roma e del Policlinico Agostino Gemelli, coordinati dal prof. Numa Cellini, ordinario di Radioterapia nell’ateneo del Sacro Cuore e co-promotore della manifestazione del Gemelli, per sostenere questa iniziativa di alto valore sociale, ma soprattutto per stare accanto ai malati ricoverati in ospedale.
 

Il Concorso “Un ospedale con più sollievo” e le motivazioni dei premi

Numerose sono state le scuole di 13 Regioni italiane che hanno partecipato con grande impegno e qualità al concorso riservato agli alunni dell’ultimo anno delle classi della scuola dell’infanzia, della quinta classe della scuola primaria, della terza classe della scuola secondaria di primo grado, delle classi del primo biennio della scuola superiore, delle classi delle sezioni ospedaliere di ogni ordine e grado e dei corsi di laurea universitari in materie umanistiche che consisteva nella realizzazione di un plastico o poster, un prodotto iconografico, di un testo, di un videoclip e di una fiaba illustrata sul tema del Sollievo.

 

 

Il Premio per il miglior prodotto plastico o poster è stato assegnato agli alunni della Scuola Primaria dell’Infanzia “Ripatransone”di Ascoli Piceno “per aver saputo rappresentare plasticamente il concetto che siamo tutti parte di una rete e che un ospedale è“con più sollievo”se non è isolato, ma incluso in una trama di relazioni gioiose e in un contesto solare e colorato: anche l’ospedale è nodo di un’unica rete”.






 

Il premio per il miglior prodotto iconografico è stato assegnato agli alunni della V classe della scuola primaria Statale “P.E. Negri” di Vicenza  “per la realizzazione di un’opera creativa che si apre a più dimensioni dello spazio, come molteplici sono le dimensioni del sollievo. Essa mette a fuoco l’aspetto dinamico del sollievo che può essere colto nel contrasto tra un “prima” di buia-sofferenza e un “dopo” di luminoso-affrancamento da essa, grazie alla presenza amorevole di “mani” che curano, avvolgono e stanno accanto”.

 

 

Il Premio per il miglior elaborato è stato assegnato agli alunni della III classe dell’Istituto comprensivo “Giordano” di Napoli “per aver saputo comunicare con grande efficacia espressiva grafico-testuale il messaggio che la malattia, la sofferenza, il dolore non possono offuscare e cancellare l’uomo e la sua dignità. Il sollievo di chi soffre inizia ad accendersi nello sguardo di chi se ne prende cura; uno sguardo che va oltre la cronicità negativa della malattia, della sofferenza e del dolore, svelando e illuminando la cronicità positiva del palpito della vita”.



 

Il Premio intitolato a “Anna Maria Verna” per il miglior videoclip è stato assegnato agli alunni della II classe dell’Istituto d’Istruzione superiore “Giuseppe Solimene” di Potenza "per aver evidenziato la dimensione relazionale alla base del sollievo guidata dai valori universali della solidarietà, condivisione, unità e dono. Il videoclip, con una sequenza di immagini e parole lancia un messaggio di speranza, un’esortazione ad un “contagio d’amore” e, in particolare ai giovani, a fare dono della propria freschezza “aurorale” con gesti concreti”.
Il Premio per il miglior elaborato è stato assegnato agli alunni della Pluriclasse della Scuola Ospedaliera Paritaria “Casa Sollievo della Sofferenza” – Unità operativa di Oncoematologia Pediatrica di San Giovanni Rotondo di Foggia “per avere saputo mostrare con illuminante semplicità e commovente trasparenza d’animo al mondo dei “provvisoriamente sani”, il mondo della sofferenza vissuta in ospedale. Le composizioni testuali e grafiche vincitrici comunicano che per ogni sofferenza c’è un sollievo: attraverso la cura attenta di medici ed infermieri, ambienti accoglienti, la fede, la vicinanza di amici e soprattutto l’amore della mamma e del papà”.

Il Premio intitolato a“Alessandra Bisceglia” per la miglior fiaba è stato assegnato a Ilaria Marchetti, studentessa della Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi di Torino “per aver saputo rappresentare il sollievo come una magia che interviene nel quotidiano, dissolvendo la sofferenza, aggravata da disorientamento e sconforto, delle persone che vivono in solitudine e in ambienti non familiari. La “magia” operata dal protagonista della fiaba, un cagnolino che dà sollievo fisico e morale alla sua anziana padrona, esprime per metafora l’importanza di riscoprire la forza dell’ascolto, dell’amore reciproco, degli sguardi attenti e dei piccoli gesti e di dare ad essi fiducia, in quanto capaci di trasformare la percezione del reale e donare un nuovo sguardo, una nuova speranza, per vivere la propria situazione con la volontà di farcela, nonostante tutto”.

Scopo del concorso è stato di sensibilizzare alunni, docenti e famiglie sul tema del Sollievo inteso non come la negazione definitiva del dolore fisico, ma piuttosto come sostegno sollecito ed amorevole nel dolore fisico, psicologico e spirituale al malato cronico e in evoluzione di malattia.

Le rose di Confagricoltura per i degenti del Gemelli

Grazie alla generosità di “Confagricoltura” nella giornata di sabato 26 maggio sono state donate rose rosse, gialle e bianche della varietà “Miss Paris” (1500 in totale) a ciascun malato ricoverato nel Policlinico “Agostino Gemelli” di Roma. Tale dono ha un valore simbolico di prossimità verso tutte le persone sofferenti ricoverate negli ospedali italiani, proprio nel mese dedicato alla rosa.

La Rete del Sollievo parte dal Gemelli

Esiste una convenzione fra l’Università Cattolica - Policlinico Gemelli e la Fondazione nazionale Gigi Ghirotti. Dalla collaborazione fruttuosa nel dicembre 2011 è stato realizzato il progetto “la Rete del Sollievo”.
La Rete del sollievo è un network per promuovere concretamente la cultura del sollievo, un modello di assistenza al malato oncologico grave, con ridotta aspettativa di vita e in una fase di malattia dove il sintomo dolore è prevalente. “La Rete del Sollievo – spiega Numa Cellini, presidente esecutivo della Fondazione Gigi Ghirotti e direttore dell’Unità Operativa di Radioterapia 2 del Gemelli - si basa sull’uso delle “reti” che, prima ancora del supporto informatico, si fondano sulla comunicazione fra i vari operatori coinvolti (medici, infermieri, volontari). Tutto questo rende possibile il breve ricovero del paziente in ospedale dotato di radioterapia, e il suo ritorno a casa o in hospice nel giro di due giorni. Attualmente il progetto è diffuso in tutte le Regioni d’Italia con più di 60 ospedali. Recentemente a Barcellona, durante il Congresso europeo dei Radioterapisti ESTRO 31, sono stati stabiliti contatti con importanti Centri europei, nord-americani e canadesi per estendere il modello a livello internazionale”.

 

Il numero verde del Centro di ascolto della Fondazione Ghirotti

La “Giornata nazionale del Sollievo”, è promossa dal Ministero della Salute, dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome e dalla Fondazione Nazionale “Gigi Ghirotti”, intitolata al giornalista del quotidiano La Stampa morto nel 1974 per un linfoma di Hodgkin, che attraverso alcuni articoli e due inchieste televisive intitolate “Viaggio nel tunnel della malattia”raccontò la sua vicenda di malato tra i malati, destando grande scalpore nell’opinione pubblica.
In particolare si segnala che la Fondazione Gigi Ghirotti ha attivato il numero verde 800 301510 tramite il quale, ogni giorno, un’équipe di psicologi specializzati, offre un servizio gratuito di sostegno, di orientamento e di ascolto ai  malati oncologici e ai loro familiari sulle problematiche relative al sollievo (6000 i contatti annui).
La Giornata del Sollievo è un’ occasione di informazione, rispetto e ascolto delle necessità di chi soffre, dentro e fuori gli ospedali, finalizzata a dare corrette risposte al dolore. Questa Giornata, che si celebra in tutta Italia, è nata per sensibilizzare alla necessità di sollevare dal dolore in tutte le sue dimensioni – fisica, psicologica, spirituale – i malati e i loro familiari.

 

Scarica l'allegato (334,6 Kb

 


  
Condividi Condividi questo comunicato stampa per posta elettronica E-mail Condividi questo comunicato stampa su Facebook Facebook Condividi questo comunicato stampa su Twitter Twitter Condividi questo comunicato stampa su Linkedin LinkedIn
Stampa Stampa questo comunicato stampa