12.12.2012
I biomarcatori, arma segreta di diagnosi e cura delle malattie reumatiche
Fonte: SS Ufficio stampa

La diagnosi precoce, la possibilità di fare scelte terapeutiche sempre più personalizzate e il monitoraggio continuo e puntuale del decorso della malattia e dei risultati delle terapie: tutti questi aspetti delle malattie reumatiche sono notevolmente migliorati negli ultimi anni grazie all’uso dei biomarcatori, molecole che tracciano l’identikit di un paziente e che renderanno sempre più sofisticati gli strumenti di diagnosi e cura.

È per presentare lo stato dell’arte di questo approccio diagnostico e terapeutico che il Gruppo Italiano di Studio dell’Early Artrhitis (GISEA) promuove la terza edizione del meeting “Biomarcatori nelle malattie reumatiche”, che si svolgerà venerdì 14 e sabato 15 dicembre presso l’Università Cattolica di Roma (Largo F. Vito 1 -Centro Congressi Europa – Sala Italia, inizio ore 9.00), coordinato dal professor Gianfranco Ferraccioli, Ordinario di Reumatologia e responsabile dell’Unità operativa complessa di Reumatologia dell’Università Cattolica-Policlinico Gemelli di Roma, nonché Presidente di GISEA.


Oggi nelle malattie reumatiche diversi biomarcatori sono in utilizzo - anticorpi anti-Citrullinati, Fattore Reumatoide IgM ed IgA, anticorpi anti Citoplasma dei Neutrofili-citoplasmatici (ANCA-c) ed anticorpi anti Citoplasma dei Neutrofili-perinucleari (ANCA-p), anticorpi anti-DNA, anti-Jo1 etc - che permettono di porre diagnosi di alcune artriti, di alcune vasculiti, di alcune connettiviti e di altre patologie reumatiche. Fino a pochi anni fa questo approccio diagnostico molecolare era solo un miraggio per i reumatologi; adesso fare diagnosi di malattie reumatiche è molto più facile con l’uso di test molecolari basati sui biomarkers.


Quest’anno il meeting punterà sui biomarcatori del danno vascolare conseguente a malattie infiammatorie e infettive. Una sessione sarà dedicata all’obesità come biomarcatore della reazione a differenti malattie (l’obesità è di per sé una malattia infiammatoria e quando si presenta in un paziente che soffre di un’altra malattia infiammatoria peggiora il suo quadro clinico e predispone a una minore risposta alla terapia); questo avviene in patologie quali l’artrite reumatoide, la spondilite anchilosante, l’artrite psoriasica. Ma i biomarcatori non sono solo molecole, ma anche “segni” (aspetti morfologici di un tessuto) che si possono scoprire con l’uso della risonanza magnetica o dell’ecografia.


In questa edizione del meeting sono numerosi i risultati scientifici che saranno presentati, rileva il professor Ferraccioli: “il nostro gruppo presenterà dati che dimostrano quanto sia negativo per la salute essere obesi e in sovrappeso quando si soffre di una malattia reumatica: mostriamo che l’obeso molto raramente va in remissione” e questo è un problema serio dato che il tasso di obesità tra i pazienti con malattie reumatiche è in costante aumento.


Il Meeting come nelle precedenti edizioni sarà una finestra aperta sul prossimo futuro, quando i biomarcatori saranno utilizzati sempre di più in molte patologie per impostare quella che viene vista come la “vera terapia” ossia la terapia personalizzata.

 

 

Scarica l'allegato (75,4 Kb)

 


  
Condividi Condividi questo comunicato stampa per posta elettronica E-mail Condividi questo comunicato stampa su Facebook Facebook Condividi questo comunicato stampa su Twitter Twitter Condividi questo comunicato stampa su Linkedin LinkedIn
Stampa Stampa questo comunicato stampa