31.10.2012
SLA, di inguaribile solo la voglia di vivere: le questioni aperte per malati e familiari
Fonte: SS Ufficio stampa

La vita di un uomo vale per quel che fa, produce, appare? O per quel che è? Un disabile grave, un vecchio, un bimbo nel ventre di sua madre, un malato terminale, valgono un po' di meno? Non sono domande retoriche: sottendono una concezione dell'uomo e determinano le scelte culturali, mediche, assistenziali. “La vita è degna, sempre” è il tema  di un ciclo di incontri presso il Policlinico A. Gemelli, promosso dal Centro Ateneo per la Vita dell'Università Cattolica e la collaborazione del Centro Culturale di Roma. Incontri dedicati ai momenti “deboli” della vita umana, la disabilità, la vecchiaia avanzata, la vita prenatale, il fine vita. Incontri aperti a tutti, con la partecipazione di professionisti della medicina e testimonianze (di "specialisti in umanità"). Si parte il prossimo 9 novembre, alle ore 15.30, presso il Policlinico A. GemelliAula 617, con “Sla: di inguaribile solo la voglia di vivere. Le questioni aperte per malati e familiari”.

Protagonista Mario Melazzini, Presidente nazionale Aisla e Direttore scientifico del Centro Nemo. Con lui, insieme ad altri illustri ospiti, ne discuteranno Rodolfo Proietti, Presidente del Centro di Ateneo per la Vita dell’Università Cattolica, e Paolo Maria Rossini, Direttore dell’Istituto di Neurologia Università Cattolica - Policlinico A. Gemelli di Roma, Massimo Antonelli, Direttore Istituto di Anestesiologia e Rianimazione Università Cattolica - Policlinico A. Gemelli.  
Durante l’incontro sarà proiettato un brano tratto dal video-documentario“Io sono qui. Sette giorni di appunti della vita di Mario Melazzini” diEmmanuel Exitu presente nell’occasione.
Modera l’incontro Monica Mondo.

Nel corso dell’anno accademico seguiranno altri incontri-seminari del ciclo “La vita è degna, sempre” (che ha il sostegno di ENI) su: La disabilità nello sportLa vita prenataleLo stato vegetativoLa vecchiaia e il  fine vita.


  
Condividi Condividi questo comunicato stampa per posta elettronica E-mail Condividi questo comunicato stampa su Facebook Facebook Condividi questo comunicato stampa su Twitter Twitter Condividi questo comunicato stampa su Linkedin LinkedIn
Stampa Stampa questo comunicato stampa