Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore
Skip Navigation Links

18.02.2010
  
Nelle disfonie funzionali l’esame obiettivo della laringe non evidenzia la presenza di lesioni organiche.
18.02.2010
  
Una corretta diagnosi del paziente disfonico si basa innanzi tutto su un’accurata indagine anamnestica; infatti, le cause che possono determinare l’insorgenza di una disfonia sono molteplici.
18.02.2010
  
Con il termine disfonia s’intende un’alterazione della voce parlata conseguente ad alterazioni strutturali o funzionali dell’apparato pneumo-fono-articolatorio.
18.02.2010
  
Nelle disfonie psicogene le alterazioni muscolo-tensive a carico della laringe e le eventuali alterazioni funzionali del mantice respiratorio rappresentano una risposta a conflitti psico-emozionali.
21.10.2009
  
La diagnosi, se opportunamente sospettata su base clinica, deve essere confermata da un esame chiamato MOC, cioè la mineralometria (o densitometria) ossea computerizzata.
21.10.2009
  
L’Osteoporosi è la malattia più comune del sistema scheletrico. Consiste nella progressiva riduzione del contenuto minerale osseo e cioè essenzialmente nella perdita di calcio nelle ossa che diventano così più fragili e facilmente fratturabili.
21.10.2009
  
Oggi esistono molti farmaci efficaci nella cura dell’osteoporosi. I più importanti sono i bifosfonati.
21.10.2009
  
Le stime dell'International Osteporosis Foundation riferiscono che una donna su tre fra i 60 e i 70 anni e due su tre dopo gli 80 anni soffre di questa patologia. In Italia sono 5 milioni le persone che ne sono colpite e, di queste, 4 milioni sono donne.
21.10.2009
  
La prevenzione dell’osteoporosi si fa non attraverso i farmaci ma con un opportuno stile di vita. In sintesi: abolizione del fumo, dieta appropriata ed esercizio fisico.
19.10.2009
  
Il 17% degli uomini e il 21% delle donne fra 35 e 74 anni e' obeso e il 50% degli uomini e il 34% delle donne e' in sovrappeso
29.09.2009
  
E' un batterio molto diffuso in natura e si trova nelle acque, nel suolo e nell’intestino di uomo ed animali.
29.09.2009
  
E' un batterio Gram positivo sporigeno, anaerobio facoltativo molto diffuso in natura.
22.04.2009
  
Dopo un primo episodio di calcolosi urinaria, un paziente ha circa il 50% di probabilità di tornare a formare calcoli.
22.04.2009
  
I calcoli urinari sono formati da sali e minerali aggregati a formare cristalli.
22.04.2009
  
La calcolosi renale è sospettata in presenza del tipico quadro sintomatico. Accertamenti ulteriori sono necessari per confermare la diagnosi e per determinare la sede e le dimensioni del calcolo.

Articoli da 66 a 80 su 197

Inserire l'e-mailFormato non valido.



© 2016 Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli - Codice Fiscale e P.IVA n. 13109681000
Sede Legale Largo Francesco Vito 1, 00168 Roma - Sede Operativa Largo Agostino Gemelli 8, 00168 Roma
Tutti i diritti riservati/All Rights Reserved

Mappa del Sito | Informativa sulla Privacy | Avvertenze | Condizioni generali di utilizzo e consultazione del sito | Redazione | Webmaster