Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore
Orticaria cronica
23.11.2006
Una delle dermatiti più comuni, caratterizzata dalla comparsa di pomfi, prurito e angioedema.

L'orticaria è una delle dermatiti più comuni (si stima che il 20% della popolazione generale presenti almeno un episodio di orticaria acuta nella vita) ed è caratterizzata clinicamente dalla comparsa di pomfi di colore variabile, dal rosso al bianco, di forma, sede ed estensioni variabili, quasi sempre accompagnati da prurito e da angioedema.

Caratteristica dei pomfi è di essere temporanei: persistono in genere meno di 48 ore, ma possono regredire completamente anche pochi minuti dopo la loro comparsa senza lasciare esiti. Possono eventualmente residuare lesioni da grattamento. Viene divisa in base ad un criterio temporale in acuta (durata < 4-6 settimane) e cronica (durata > 6 settimane).

L'orticaria cronica è caratterizzata da fasi di remissione e riaccensioneche si alternano in modo imprevedibile per mesi o anni.

Le cause scatenanti dell'orticaria possono essere molteplici, ma comunque riconducibili a meccanismi immunologici (Ig-E mediati, cellulo-mediati, complemento mediati) e non immunologici (da degranulazione mastocitaria diretta, da attivazione non immunologica del complemento, da attivazione del sistema delle chinine, da alterato metabolismo dell'acido arachidonico, da agenti fisici).

In alcuni casi di orticaria cronica si riscontra alla base una causa internistica. Si possono ricordare, a proposito, focolai infettivi ad andamento cronico a livello polmonare, dentario, gastrointestinale, ecc. presenza di parassiti nel tratto gastrointestinale, infezione da Helicobacter Pylori, tiroiditi e altre malattie autoimmuni.

L' orticaria cronica idiopatica (senza causa dimostrabile) è la forma più frequente ed è una sindrome multifattoriale; possono essere coinvolti uno o più fattori eziologici (farmaci, alimenti, additivi, microrganismi, inalanti, malattie internistiche e fattori psichici) che raramente giustificano completamente il decorso e pertanto vanno considerati fattori associati o aggravanti più che veri fattori causali.

farmaci sono una causa frequente di orticaria: ricordiamo la penicillina, l'acido acetilsalicilico e altri FANS (i FANS possono provocare delle riacutizzazioni in pazienti con orticaria cronica sostenuta da altri agenti).

Gli alimenti possono causare orticaria sia con un meccanismo allergico, sia attraverso metalli contenuti (come il nichel), sia attraverso la liberazione diretta di istamina (fig. 27), sia attraverso gli additivi (tartrazina, bisolfiti, sodio benzoato, etc.).

 

ALIMENTI RICCHI E/O LIBERATORI DI ISTAMINA E TIRAMINA: 

  • ALBUME D'UOVO
  • FRAGOLE, AGRUMI, MELONE, BANANE
  • NOCI, NOCCIOLE, CIOCCOLATA
  • LEGUMI (piselli, ceci, fave, fagioli)
  • FEGATO DI UCCELLI, CARNE DI MAIALE
  • POMODORO (fresco e/o in conserva), SPINACI
  • FORMAGGI FERMENTATI (grana, gruviera, gorgonzola, pecorino, provolone forte)
  • PESCE FRESCO E/O CONSERVATO (soprattutto: tonno, sardine, solmone, acciughe, aringh)
  • SALUMI E INSACCATI
  • CROSTACEI E FRUTTI DI MARE
  • DADI PER BRODO
  • ALIMENTI FERMENTATI E/O CONSERVATI (tonno in scatola, piselli in scatola, ecc.)
  • COCA-COLA, VINO (soprattutto quello rosso), BIRRA

 

Per la diagnosi, accanto allo studio allergologico vero e proprio (cutireazioni e patch test con allergeni comuni e con sostanze chimiche e metalli, ricerca delle IgE specifiche nel sangue, PRIST, proteina cationica degli eosinofili, triptasi, dosaggio del Cl inibitore- test di provocazione) va effettuata una valutazione internistica con studio delle patologie focali, patologie autoimmuni, malattie infettive.

Per quanto riguarda il trattamento dell'orticaria cronica spesso è sufficiente trattare la causa scatenante. Quando non è possibile individuare una causa scatenante va eseguita una dieta rigorosa povera di alimenti allergizzanti o ricchi di istamina.

Nelle forme resistenti possiamo avvalerci di terapia sintomatica (soprattutto utile nell'attacco acuto) antistaminica, cortisonica, antileucotrienica; raramente è necessario intraprendere una terapia con cortisonici ad alte dosi o ciclosporina.

 

 


Inserire l'e-mailFormato non valido.



© 2016 Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli - Codice Fiscale e P.IVA n. 13109681000
Sede Legale Largo Francesco Vito 1, 00168 Roma - Sede Operativa Largo Agostino Gemelli 8, 00168 Roma
Tutti i diritti riservati/All Rights Reserved

Mappa del Sito | Informativa sulla Privacy | Avvertenze | Condizioni generali di utilizzo e consultazione del sito | Redazione | Webmaster