Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore
Skip Navigation LinksHome > Prenotazioni > Prestazioni SSN > Ambulatori > Istologia e Citodiagnosi

Ambulatorio Istologia e Citodiagnosi


Responsabili/Referenti
Prof. L.m Larocca, Dott. F. Pierconti, Dott.ssa G. Petrucci
Telefono
0630154433
Ubicazione
Padiglione Stanza J407H, 4° piano Piastra Tecnologica - Piano 4

Recapito prenotazioni 0630154433

 

Orari prenotazione

 

 
Lun
Mar
Mer
Giov
Ven
Sab
Dom
Am inizio
09:00
09:00
09:00
09:00
09:00
 
 
Am fine
13:00
13:00
13:00
13:00
13:00
 
 
               
Pm inizio
 
 
 
 
 
 
 
Pm fine
 
 
 
 
 
 
 

 

Responsabili / Referenti Dr. Guido Fadda, Dr. Antonino Mulè
Recapito telefonico per informazioni 0630154433
Ubicazione Ala M - Piano 2
Note L’Ambulatorio esegue agoaspirati di organi superficiali (principalmente tiroide, mammella, linfonodi, ghiandole salivari, lesioni cutanee e sottocutanee), scraping di lesioni cutanee e sottocutanee (incluse le lesioni mammarie) e prelievi di materiale secreto spontaneamente (secrezioni mammarie e nasali).

 

 

 



PRESTAZIONI
Prestazioni su citologici, materiale fissato ed incluso, o su materiale congelato.
Metodica di ibridizzazione in situ con sonde marcate con fluorocromi e dirette contro segmenti cromosomici corrispondenti a geni o a zone di riarrangiamento. Utile nello studio delle delezioni geniche, delle amplificazioni geniche e delle translocazioni cromosomiche.
Indagine su materiale fissato ed incluso in paraffina.
Metodica molecolare che prevede la estrazione di DNA dal tessuto incluso e successiva amplificazione con PCR utilizzando primers specifici per le regioni variabili delle catene pesanti e delle catene leggere delle immunoglobuline. Importante nella diagnostica delle malattie linfoproliferative.
Indagine su materiale fissato ed incluso in paraffinaMetodica molecolare che prevede la estrazione di DNA dal tessuto incluso e successiva amplificazione con PCR utilizzando primers specifici per le regioni variabili delle catene beta, gamma e delta del recettore T per l’antigene. Importante nella diagnostica delle malattie linfoproliferative..
Indagine su materiale fissato ed incluso in paraffina o su tessuti congelati.
Metodica molecolare che prevede la estrazione di DNA dal tessuto incluso e successiva amplificazione con PCR utilizzando primers specifici per EBNA1, EBNA2, regione c-termine di LMP-1, regione Zp di BLZF1, per CMV e per HHV8.
Indagine su materiale fissato ed incluso in paraffina.
Metodica molecolare che prevede la estrazione di DNA dal tessuto incluso e successiva amplificazione con PCR utilizzando primers specifici per M. Tubercolare o Micobatteri Atipici.
Indagine su materiale fissato ed incluso in paraffina o materiale congelato.
Metodica molecolare che prevede la estrazione di DNA e RNA dal tessuto bioptico miocardico incluso e successiva amplificazione con PCR utilizzando primers specifici per vari virus miocardiotropi.
Indagine su linfonodo sentinella fissato ed incluso in paraffina.
Indagine su linfonodo sentinella fissato ed incluso in paraffina.Metodica molecolare che prevede la estrazione di RNA dal tessuto incluso, trascrizione inversa e successiva amplificazione del cDNA con PCR utilizzando primers specifici per il trascritto del gene della tirosinasi, marker delle cellule melanocitarie. Utile per evidenziare metastasi microscopiche. Può essere implementata con il dosaggio quantitativo con Real Time PCR.
Indagine su materiale fissato ed incluso in paraffina.
Indagine su citologia su strato sottile, su materiale fissato ed incluso in paraffina o su tessuto congelato a -80°C.
Metodiche molecolari che prevedono la estrazione di DNA e/o RNA da cellule o tessuti tiroidei per studi mutazionali di BRAF1 o per evidenziare il trascritto di fusione ret-PTC presenti nel carcinoma tiroideo.
Indagine su materiale fissato ed incluso in paraffina o congelato a -80°C.
Metodica molecolare che comporta la estrazione di DNA e la amplificazione con PCR di specifici segmenti del gene c-kit o PDGFRA sede di mutazione. Gli amplificati vengono quindi sequenziati per evidenziare o meno la mutazione. Metodica utilissima per predirre la risposta dei GIST alla terapia con Gleevec.
Indagine su materiale fissato ed incluso in paraffina o congelato a -80°C.
Metodica molecolare che comporta la estrazione di DNA e la amplificazione con PCR di specifici segmenti del gene p16 usualmente sede di mutazione. Gli amplificati vengono quindi sequenziati per evidenziare o meno la mutazione. Metodica utile nello studio della familiarità per melanoma.
Indagine su materiale fissato ed incluso in paraffina o snp-frozed e conservato a -80°C.
Metodica molecolare che prevede la estrazione di RNA dal tessuto incluso, trascrizione inversa e successiva amplificazione del cDNA con PCR utilizzando primers specifici per i trascritti di fusione esito della avvenuta translocazionemetodica utilissima per definire sottotipi di linfomi o per predire risposta alla terapia.
Indagine su materiale fissato ed incluso in paraffina o snap-frozen e conservato a -80°C.
Metodica molecolare che prevede la estrazione di RNA dal tessuto incluso, trascrizione inversa e successiva amplificazione del cDNA con PCR utilizzando primers specifici per i trascritti di fusione esito della avvenuta translocazione. Metodica utilissima per la diagnosi di Tumore desmoplastico a piccole cellule.
Indagine su materiale fissato ed incluso in paraffina o snap-frozen e conservato a -80°C.
Metodica molecolare che prevede la estrazione di RNA dal tessuto incluso, trascrizione inversa e successiva amplificazione del cDNA con PCR utilizzando primers specifici per i trascritti di fusione esito della avvenuta translocazione. Metodica utilissima per la diagnosi di PNET/Sarcoma di Ewing.>
Indagine su materiale fissato ed incluso in paraffina o snap-frozen e conservato a -80°C.
Metodica molecolare che prevede la estrazione di RNA dal tessuto incluso, trascrizione inversa e successiva amplificazione del cDNA con PCR utilizzando primers specifici per i trascritti di fusione esito della avvenuta translocazione. Metodica utilissima per la diagnosi di Rabdomiosarcoma Alveolare.
Indagine su materiale fissato ed incluso in paraffina o snap-frozen e conservato a -80°C.
Metodica molecolare che prevede la estrazione di RNA dal tessuto incluso, trascrizione inversa e successiva amplificazione del cDNA con PCR utilizzando primers specifici per i trascritti di fusione esito della avvenuta translocazione. Metodica utilissima per la diagnosi di Sarcoma Sinoviale.
Indagine su materiale fissato ed incluso in paraffina o snap-frozen e conservato a -80°C
Metodica molecolare che prevede la estrazione di RNA dal tessuto incluso, trascrizione inversa e successiva amplificazione del cDNA con PCR utilizzando primers specifici per i trascritti di fusione esito della avvenuta translocazione. Metodica utilissima per la diagnosi di Liposarcoma mixoide.
 

Inserire l'e-mailFormato non valido.



© 2016 Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli - Codice Fiscale e P.IVA n. 13109681000
Sede Legale Largo Francesco Vito 1, 00168 Roma - Sede Operativa Largo Agostino Gemelli 8, 00168 Roma
Tutti i diritti riservati/All Rights Reserved

Mappa del Sito | Informativa sulla Privacy | Avvertenze | Condizioni generali di utilizzo e consultazione del sito | Redazione | Webmaster